Abstract

Osmotic fragility test has been used to study the influence of different factors on the osmotic properties of cell membranes. Considering the importance of polyunsaturated fatty acids (PUFA) in biological functions we aimed to investigate the effects of dietary PUFA supplementation on erythrocyte osmotic fragility (EOF), blood lactate (BL), hematocrit (Hct), red blood cell (RBC), hemoglobin (Hb), and mean cell volume (MCV) in 10 jumper horses. Two events occurred prior to start supplementing horse’s diet and two events occurred after 4 weeks PUFA supplementation. Five horses received the PUFA supple- mentation (Group A), and five served as controls (Group B). Blood samples were taken before and after each course. The statistical analysis revealed significant increase in BL, Hct, RBC and Hb following ex- ercise (Po0.0001). However, the interaction between exercise and PUFA supplementation (P1⁄40.0083) showed PUFA-supplemented horses having a smaller rise in BL levels (P1⁄40.0107) following exercise. Significant interactions between exercise and PUFA treatment were also found on EOF levels (Po0.05). The hemolysis curves showed PUFA-supplemented horses exhibiting a reduction in EOF compared to controls (Po0.05). Although hemolysis never occurred at 0.9% NaCl concentration, jumping exercise determined an increase in EOF (P1⁄40.0014) at 0.8% NaCl solution. A significant interaction between ex- ercise and PUFA treatment (P1⁄40.0022) was found showing PUFA-supplemented horses having lower EOF (P1⁄40.0015) following exercise. The assessment of EOF is a suitable indicator of athletic performance. The results showed that PUFA supplementation might exert beneficial effects on the horse body system by enhancing the performance in high-level show jumpers.

Abstract

Twenty clinically healthy and regularly trained horses, 10 Sella Italiana (Jumper) and 10 Thoroughbreds, were randomly divided into two subgroups. The first subgroup received a dietary supplement Omega Horses 70 ml/day for 30 days (experimental group); the second subgroup received no dietary supplement (control group). All horses were subjected to a simulated race to test their performance levels. The same race was performed on both groups at the end of experimental period. On blood samples, collected before and after the first test (T0–T0pe), every 7 days for a month (T1–T2–T3–T4) and after the second test (T4pe), Prothrombin Time (PT), Activated Partial Thromboplastin Time (APTT), Fibrinogen Concentration (Fb) and platelet aggregation were assessed. The application of two-way repeated measures analysis of variance (ANOVA) identified a significant effect of time (4 weeks monitoring) on PT only in Jumpers, on APTT and Fb both in Jumpers and Thoroughbred. A statistically significant effect of treatment was observed during the 4 weeks of monitoring on PT, APTT and Fb while no significant change was observed on platelet aggregation. Both experimental groups showed higher PT and APTT values and lower Fb values than control groups. Moreover, a statistically significant effect of treatment was observed on PT and Fb in T4–T4pe periods in both breeds. This study highlights the effects of omega 3 dietary supplementation on horse’s clotting parameters providing useful information to improve athletic horse’s management.

Abstract
The importance of polyunsaturated fatty acids (PUFAs) within the different biological functions of animals has been widely recognized. In this study, exercise and PUFAs sup- plementation effects on serum triglycerides, total cholesterol, and nonesterified fatty acids (NEFAs) concentration were evaluated in athletic horses. Two sport horse types (10 Italian saddle jumpers and 10 Thoroughbreds) were equally divided into two groups. Jumpers and Thoroughbred experimental groups (AJ and AT) received 4-week PUFAs supplementation and control groups (BJ and BT) received no dietary supplement. Before starting the PUFAs supplementation (T0) and at the end of the experimental period (T4), horses were sub- jected to simulated events. From each subject, blood samples were collected every 7 days at rest, before and after the first test (T0R and T0PE), and before and after the second test (T4R and T4PE). Higher triglycerides and NEFA concentrations at T0PE and T4PE than T0R and T4R in both groups were found as a result of exercise (P < .005), but lower triglycerides and NEFA concentrations at T4PE in group AJ than group BJ (P < .05) and in group AT (P < .005) than group BT were found as a result of PUFAs supplementation. Effects of PUFAs sup- plementation was highlighted by the statistically significant lower triglycerides and NEFA concentrations found at T4PE than T0PE in groups AJ (P < .05) and AT (triglycerides: P < .05; NEFAs: P < .0001).

The aim of this study was to investigate the effect of omega-3 supplementation on some haematological parameters like red blood cells (rbc), haemoglobin (hgb), haematocrit (hct), white blood cells (Wbc), neutrophils (neu) and lymphocytes (lym) that may have a direct effect on the performance of athletic horses. Ten regularly trained Standardbred horses (6 geldings and 4 females, 4–5 years old, mean body weight 500 ± 25 kg) were used for the study. they were randomly divided into two groups. The experimental group received an omega-3 dietary supplementation every day for 30 days. The control group received no supplementation. Every 10 days, horses took part in a 1660 metre harness race and blood samples were collected from each horse: one in the morning before race (pre) and one after race (post). The application of one-way analysis of variance for repeated mesures (ANOVA) showed a statistically significant difference due to the race in the two different groups. The results obtained in the present study show a discordant effect of supplementation with omega-3 on rbc, hct and hgb, while omega-3 supplementation has been shown to have a better effect on Wbc, neu and lym, but further studies should be performed to better evaluate the benefits of these on the performance of the athletic horse.

Gli autori hanno studiato gli effetti dell’integrazione alimentare con acidi grassi omega-3 sulla performance atleti- ca del cavallo Galoppatore e Saltatore. A tale scopo, l’analisi di alcuni parametri ematologici ha evidenziato una riduzione del valore ematocrito in seguito alla somministrazione di omega-3. I risultati ottenuti confermano i benefici legati all’integrazione dell’alimentazione del cavallo sportivo con omega 3. Pertanto, l’impiego di un integratore fonte di acidi grassi polinsaturi, preserva la salute e consente un miglioramento della performance del cavallo.

Il tegumento, uno degli apparati più estesi, ricopre il corpo proteggendo le cellule ed i tessuti sottostanti; senza di esso l’animale sarebbe rapidamente aggredito da batteri o altri patogeni o perirebbe a causa della perdita di acqua. La cute svolge diverse funzioni ed il suo ruolo è fondamentale nell’interazione dell’organismo con l’ambiente che lo circonda. Inoltre, è anche il più grande organo sensoriale dell’organismo, in quanto comunica con il sistema nervoso centrale attraverso numerose terminazioni nervose, responsabili della trasmissione degli impulsi nocicettivi, tattili, termici e pruriginosi. Una delle condizioni che più frequentemente comporta alterazioni della funzione di barriera della cute è l’esposizione a fattori ambientali di varia natura. In condizioni normali, tuttavia, la cute ha una notevole capacità di adattarsi ad eventuali insulti esogeni.

La produttività ed il benessere degli animali domestici possono essere gravemente compromessi dalla presenza di lesioni cutanee, più o meno complicate, specialmente durante i periodi in cui sono attivi (stagioni calde) i ditteri miasogeni, insetti che depositano uova o larve vive sui tessuti vivi provocando una parassitosi (detta miasi) più o meno grave. Le patologie cutanee sono piuttosto comuni nel cavallo, e spesso, anche se gravi, sono sottovalutate e considerate soltanto in base al danno estetico che producono. Tra le patologie dermatologiche più frequentemente riscontrate nel cavallo troviamo la dermatite estiva recidivante o DER (comunemente indicata come “ardori del cavallo” o “rogna estiva”), causata da una reazione allergica alla puntura di piccoli insetti, in particolare, di quelli appartenenti al genere Culicoides. La saliva di questi insetti (allergene), iniettata con la puntura, induce nei cavalli sensibilizzati (probabilmente a causa di una predisposizione genetica) una produzione esagerata ed incontrollata di anticorpi del tipo IgE, l’attivazione ed il richiamo di molte cellule “difensive”, quali i linfociti CD4-Th2 e i mastociti (ipersensibilità di tipo I). L’esito di tale reazione di ipersensibilità immediata si manifesta con la presenza di prurito e con l’insorgere di un danno a carico dei tessuti interessati. Sebbene non si tratti di una patologia altamente debilitante, l’irritazione è tale che il cavallo colpito dalla DER può essere nervoso al punto da impedirne l’utilizzo per l’attività sportiva. La sensibilizzazione verso gli allergeni è maggiore o minore a seconda dei soggetti (possono esserne colpiti cavalli di ogni razza ed età). Spesso si nota un’ereditarietà familiare, tuttavia non sembrano invece esistere predisposizioni legate al sesso o al colore del mantello.

Il principale segno clinico della DER è rappresentato dal prurito intenso, sempre presente, che provoca possibili autotraumatismi, caratterizzati dalla presenza di croste e papule, nelle zone interessate, che si infettano facilmente e da un ispessimento della cute e dalla consistente perdita di Le regioni tipicamente colpite sono quelle dove gli insetti trovano la pelle più sottile o più accessibile, di preferenza la faccia, il ventre lungo la linea mediana, l’attaccatura della coda e della criniera, ma la reazione allergica può estendersi anche a tutto il corpo. La diagnosi di DER si basa su anamnesi remota (episodi pregressi), stagionalità (primavera, estate ed autunno; sebbene possano persistere anche per tutto l’anno), presenza di insetti del genere Culicoides (più numerosi all’alba e al tramonto, scompaiono durante la giornata), segni clinici (tipo e sede delle lesioni). Nella formulazione della diagnosi ha importanza anche la risposta positiva a trattamenti antinfiammatori o all’uso di insetticidi.

Ad oggi, i sistemi di lotta utilizzati contro questa patologia sono molteplici, ma nessuno appare soddisfacente sotto tutti i punti di vista.

Ci sono due approcci di base:

  • minimizzare l’attacco degli insetti riducendo l’esposizione dei cavalli sensibilizzati ai Culicoides (pozze d’acqua stagnante, zone alberate, scuderizzarlo nelle ore in cui le zanzare attaccano di preferenza) o utilizzando una terapia insetticida (repellenti, apparecchi insetticidi, zanzariere alle finestre dei box);
  • diminuire l’infiammazione e il prurito con l’uso di una terapia sintomatica (antistaminici, corticosteroidi, antibiotici ad uso topico e/o sistemico).

L’uso di farmaci di tipo steroideo, che non risolvono definitivamente la patologia, ma agiscono alleviando semplicemente il prurito, risulta essere una terapia da utilizzare solo a breve termine e nei casi più gravi, per i possibili effetti collaterali. Nei cavalli sportivi in attività agonistica, a causa delle interferenze con i controlli anti-doping, le possibilità terapeutiche sono molto ridotte.

Numerosi prodotti a base di estratti naturali possono essere impiegati nei soggetti sensibili alla dermatite estiva recidivante possono essere impiegati per ristrutturare l’epidermide ed il mantello del cavallo, per favorire sia la riepitelizzazione che la ricrescita del pelo e per stimolare la cicatrizzazione delle ferite. Tra le varie piante utilizzate in Fitoterapia per le sue eccellenti qualità antinfiammatorie, antiallergiche e simil-cortisone, il ribes nero (Ribes nigrum) potrebbe essere un ottimo alleato nella lotta contro le dermatiti recidivanti. Il Ribes nigrum è un arbusto spontaneo della famiglia delle Grossulariaceae, originario delle zone montuose dell’Eurasia. Noto già da tempo per le sue proprietà antinfiammatoria, antidolorifica e antistaminica, viene utilizzato in fitoterapia e gemmoterapia, agendo positivamente sia a livello cutaneo che a livello delle vie respiratorie. Le sue gemme, ricche di olio essenziale, flavonoidi e glicosidi, agiscono in particolare come stimolante delle ghiandole surrenali nella produzione di cortisolo, che aiuta l’organismo a reagire alle infiammazioni. In particolare, la bacca di ribes nero risulta essere molto riccha di vitamina E, vitamina C, acidi grassi essenziali (acido linoleico e acido alfa-linolenico), acidi grassi polinsaturi (acido gamma-linolenico e acido stearidonico), polifenoli, antociani (pigmenti vegetali antiossidanti) e carotenoidi, che proteggono la cute dalle alterazioni provocate dai radicali liberi. Prodotti a base di olio di semi di ribes nero, inoltre, aiutano a rafforzare la membrana cellulare, riducendo, in particolare, la comparsa le recidive. Interessanti risultati, recentemente, sono stati ottenuti nel trattamento delle allergie cutanee con ribes nero sia nel cane che nel gatto, in quanto più del 50% dei soggetti trattati mediante la somministrazione giornaliera di olio di ribes nero per via orale ha evidenziato un eccellente miglioramento delle condizioni cliniche dopo due mesi di trattamento. Sulla base dei significativi risultati ottenuti negli animali da compagnia e sulla ridotta presenza di effetti collaterali in seguito alla somministrazione di olio di semi di ribes, potrebbe risultare molto interessante l’impiego di queste sostanze anche nel controllo e nella prevenzione delle allergie cutanee del cavallo.

Bibliografia

Scott D.W., Miller Jr W.H. Equine Dermatology. Elsevier Saunders, Philadelphia, PA. 2010. | Noli C., Carta G., Cordeddu L., Melis M.P., Murru E., Banni S. Conjugated linoleic acid and black currant seed oil in the treatment of canine atopic dermatitis: A preliminary report. Vet J. 2007. 173: 413–421. | Linnamaa P., Savolainen J., Koulu L., Tuomasjukka S., Kallio H., Yang B., Vahlberg T., Tahvonen, R. Blackcurrant seed oil for prevention of atopic dermatitis in newborns: A randomized, double-blind, placebo-controlled trial. Clin Exp Allergy. 2010. 40: 1247-1255. | Scott D.W., Miller Jr. W.H. Medical management of allergic pruritus in the cat, with emphasis on feline atopy. J South Afr Vet Assoc. 1993. 64: 103-108.

Nel cavallo atleta uno degli aspetti meno studiati del ciclo “stimolo-adattamento” indotto dall’esercizio fisico è il recupero, nonostante molti degli effetti provocati dall’allenamento si manifestino proprio durante e grazie a questa fase. In particolare, il recupero attivo post esercizio rappresenta un elemento chiave nella programmazione dell’allenamento. Esso rappresenta il momento in cui avvengono il superamento della fatica, il ripristino delle capacità di prestazione e soprattutto la fase nella quale si realizzano e consolidano gli adattamenti e, quindi, il miglioramento della prestazione sportiva.

Durante la fase di recupero , infatti, l’organismo subisce importanti modificazioni innescando un processo di riparazione volto al ripristino dello stato funzionale ottimale e al potenziamento delle “difese” (supercompensazione) in vista di un prossimo eventuale “attacco” da fronteggiare. Tali modificazioni, oltre a dipendere dalla tipologia, dalla durata e dall’intensità relativa all’attività fisica svolta, dipendono anche dal tipo di recupero che si mette in atto: attivo (mantenimento un’attività muscolare dinamica, ma di bassa intensità) o passivo (non viene svolta alcun tipo di attività muscolare). Tra i processi fisiologici attuati durante la fase di recupero vi sono l’eliminazione dell’acido lattico e la resintesi del glicogeno muscolare.

Gestire al meglio il recupero può, quindi, rappresentare la chiave di successo dell’ allenamento.

L’approccio al recupero può essere:

Passivo: consiste nel riposo da fermi e sottintende il semplice concetto di “lasciar fare” al corpo senza indurre ulteriori stimoli post-allenamento.

Attivo: caratterizzato da specifiche attività fisiche susseguenti il carico allenante, con la finalità di aumentare la velocità di smaltimento dei sottoprodotti metabolici generati dallo stesso (su tutti l’acido lattico) e di accelerare, di fatto, il processo di recupero dell’organismo.
Comunemente questo termine è usato per identificare l’approccio al recupero adottato immediatamente dopo l’attività svolta.

L’esercizio fisico porta a un aumento della produzione di acido lattico, che nel muscolo si dissocia rapidamente in lattato e H+. Il lattato viene poi eliminato attraverso diversi processi, quali l’ossidazione nel muscolo scheletrico, la conversione in glucosio e glicogeno a livello epatico, la conversione in glicogeno a livello muscolare. L’ossidazione nel muscolo scheletrico è sicuramente il meccanismo più importante di eliminazione del lattato e, per questo motivo, il recupero attivo è in grado di aumentare la velocità di smaltimento del lattato.

Il recupero attivo, infatti, prevede un’attività muscolare di bassa intensità, prettamente aerobica, durante la quale la produzione di lattato è minima, mentre la frequenza cardiaca, rimanendo su valori più elevati rispetto al risposo da fermi, apporta un maggior flusso di sangue e ossigeno ai muscoli che, impegnati in una modesta attività fisica, reclutano il loro potenziale di fibre aerobiche che fra i vari metaboliti consumerà a scopo energetico il lattato precedentemente prodotto .

Tutto ciò consente nel complesso un più efficiente smaltimento del lattato. Con il recupero passivo invece non vi saranno gli effetti appena descritti, per cui anche se il lattato accumulato sarà comunque ossidato a livello muscolare, l’ossidazione e il conseguente smaltimento avverranno a una velocità minore e gli effetti nefasti dell’accumulo di lattato si potranno protrarre nel tempo. La figura 1 mostra come, dopo esercizio massimale, l’andamento della lattatemia possa cambiare se viene eseguito un recupero attivo o passivo.

Durante un esercizio fisico intenso il glicogeno rappresenta la fonte primaria di energia per il muscolo scheletrico e la sua utilizzazione necessita successivamente del ripristino delle riserve e della risintesi della molecola.

Gli effetti precedentemente descritti riguardo il recupero attivo rallentano la resintesi del glicogeno: le fibre muscolari attive tendono a consumare energia e non a risintetizzare le scorte energetiche, inoltre il lattato degradato per via ossidativa non potrà essere utilizzato per la neoglicogenesi. Il recupero attivo aumenta la velocità di eliminazione del lattato, ma rallenta la resintesi del glicogeno, mentre il recupero passivo, rallenta l’eliminazione del lattato, ma accelera la resintesi del glicogeno. Questi aspetti devono necessariamente essere presi in considerazione se si vuole ottimizzare il recupero muscolare. Probabilmente, come spesso accade, la chiave vincente non è rappresentata da nessuna delle due opzioni, ma dalla giusta combinazione di entrambe in base alle esigenze richieste dallo specifico allenamento.

Tenuto comunque conto dell’importanza del recupero attivo, bisogna guardare alle fonti energetiche necessarie a garantire la contrazione muscolare, che sono soprattutto carboidrati e lipidi.

Oltre quindi all’attività fisica le principali strategie di recupero sulle quali lavorare sono:

  • L’alimentazione. Un’alimentazione che preveda macro e micronutrienti bilanciati in relazione alle specifiche esigenze dell’atleta e al tipo di attività svolta è assolutamente uno dei fattori che più influenzano un corretto recupero.
  • L’idratazione. Un corretto apporto di liquidi deve sempre essere assicurato.
  • L’integrazione. Esistono numerosi prodotti naturali utilizzati per migliorare le strategie di recupero.

Dopo una gara o un allenamento esiste una “finestra di tempo” ove l’organismo è più ricettivo a reintegrare quanto perso nelle ore di allenamento o di gara. Durante questo periodo tutto ciò che viene ingerito andrà a distribuirsi nell’organismo per riparare eventuali “danni” derivanti dall’esercizio. Semplificando al quanto il processo, possiamo dire che durante lo sforzo il cavallo inizia bruciando i carboidrati semplici, poi passa ai carboidrati complessi quindi, alle fibre se l’esercizio continua, attinge a quelle riserve energetiche che bruciano più lentamente: i lipidi, la cui mobilizzazione si traduce nella liberazione di acidi grassi a scopo catabolico..

È bene che una parte dell’energia che il cavallo consuma provenga dagli acidi grassi, in quanto altamente energetici e completamente ossidabili, per cui non causano problemi di acidosi.

Pertanto, un supplemento ad alto tenore di acidi grassi, con un adeguato equilibrio tra omega 3 e omega 6, rappresenta un’arma formidabile per contrastare gli effetti dello stress negli sforzi intensi, garantendo una tenuta atletica nel lungo periodo e migliorando il recupero nel cavallo atleta.

Gli omega 3 e omega 6 sono acidi grassi polinsaturi essenziali, composti cioè che le cellule dei mammiferi non sono in grado produrre e che devono, quindi, essere introdotti con l’alimentazione.

Di particolare interesse, soprattutto per i soggetti atleti, sono gli acidi grassi omega 3 EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico) in quanto migliorano il funzionamento di molti sistemi organici tra cui quello cardiovascolare, nervoso, gastrointestinale, riproduttore e immunitario; sono importanti anche per la crescita, la regolazione e lo sviluppo dei processi biologici; nell’uomo controllano il livello plasmatico dei lipidi, soprattutto dei trigliceridi e del colesterolo HDL e data la loro natura chimico-fisica, fluidificano il sangue, controllano la pressione arteriosa, migliorano l’integrità delle membrane delle cellule e l’elasticità alle pareti arteriose.

Numerosi studi, condotti sul cavallo atleta, hanno evidenziato che la somministrazione di integratori alimentari a base di olio di pesce preserva lo stato di salute del cavallo, migliorandone il benessere e la performance atletica. Durante l’attività fisica, com’è noto, si può verificare un danno cellulare e tissutale dovuto all’ossidazione dei lipidi di membrana, delle proteine, dei carboidrati e degli acidi ribonucleici. L’integrazione della razione alimentare con sostanze ad azione antiossidante, quali gli acidi grassi essenziali, fornisce all’atleta una protezione dai danni causati dai radicali liberi, soprattutto quando, nei programmi di allenamento è previsto un aumento del carico di lavoro. Inoltre, è stata dimostrata la loro influenza sul miglioramento dei principali parametri della performance sia in corso di esercizio che durante la fase di recupero. In particolare, è emersa una riduzione della frequenza cardiaca, dei valori di ematocrito e di lattato durante le fasi di defaticamento attivo e passo, mostrando dei tempi di recupero sorprendenti.

Alla luce dei potenziali benefici, l’impiego costante di un supplemento dietetico fonte di acidi grassi essenziali dovrebbe essere incoraggiato nella pratica equina, per ottenere un miglioramento della performance atletica del cavallo sportivo preservandone il benessere e lo stato di salute.

Bibliografia

Caola G. Fisiologia dell’esercizio fisico del cavallo. Calderini Edagricole. 2001. | De Moffarts B., Portier K., Kirschvink N., Coudert J., Fellmann N., van Erck E., Letellier C., Motta C., Pincemail J., Art T., Lekeux P. Effects of exercise and oral antioxidant supplementation enriched in (n-3) fatty acids on blood oxidant markers and erythrocyte membrane fluidity in horses. Vet J. 2007. 174: 113-121. | Geor R.J. Nutritional management of the equine athlete. In: Hinchcliff K, Kaneps A, Geor R, eds. Equine Sports Medicine and Surgery. 1st ed. St. Luis: Saunders-Elsevier, 2004. pp. 815-835. | Packer L. Oxydants, antioxidant nutrients and the atlete. J Sports Sci. 1997. 15: 353-363. | Vineyard K.R., Warren L.K., Kivipelto J. Effect of dietary omega-3 fatty acid source on plasma and red blood cell membrane composition and immune function in yearling horses. J Anim Sci. 2010. 88: 248-257.

La valutazione quantitativa del dispendio energetico del muscolo ed il suo rapporto con il lavoro e la potenza permettono di determinare la capacità che il cavallo atleta ha di eseguire un esercizio fisico. L’energia viene comunemente definita come la capacità di compiere lavoro. Tra le diverse forme di energia che maggiormente interessano lo svolgimento di attività fisica ricordiamo l’energia meccanica e l’energia chimica. Per comprendere queste due forme di energia possiamo considerare un cavallo che corre, cioè che compie un lavoro meccanico mediante l’accelerazione del suo centro di gravità in direzione frontale. L’energia che produce questo movimento viene definita energia cinetica. L’energia cinetica o di movimento è dovuta al processo di conversione a livello muscolare di una parte di energia, chiamata energia chimica, posseduta da alcuni composti ad elevato contenuto energetico. La contrazione muscolare pertanto, risulta sostenuta durante tutte le sue fasi dalla continua trasformazione dell’energia chimica contenuta nella molecola di ATP in energia meccanica e dal rifornimento, mediante i processi di risintesi, del nucleotide consumato durante l’evento contrattile.

Tutte le attività sportive, siano esse anaerobiche o aerobiche, sono caratterizzate da precise risposte metaboliche correlate all’intensità e alla durata dell’esercizio fisico svolto. Attualmente, tutte le fonti energetiche coinvolte in questo processo metabolico sono ben conosciute, infatti, è noto che l’energia necessaria al lavoro muscolare derivi, in modo percentualmente diverso, dall’ossidazione dei carboidrati, dei lipidi e delle proteine. Appare dunque centrale il ruolo dell’ossigeno, la cui ridotta disponibilità “obbliga” l’organismo a servirsi della sola fonte energetica utilizzabile per via anaerobica, ovvero e i carboidrati. Questo processo, noto come glicolisi, esita nella produzione di acido lattico. In presenza di ossigeno sia i carboidrati sia i lipidi, rimangono i substrati metabolici preferenzialmente utilizzati dal muscolo in attività e, nel metabolismo aerobico, l’energia che deriva dalla loro ossidazione si accompagna a incrementi modesti di lattato ematico. La via aerobica, inoltre, permette una completa utilizzazione dei substrati lipidici, essenzialmente rappresentati dagli acidi grassi liberi plasmatici, mentre è ormai ben noto che in presenza di un aumento del lattato ematico, a causa di una maggiore utilizzazione di carboidrati nella via glicolitica, si ha una ridotta mobilizzazione degli acidi grassi dal tessuto adiposo e, di conseguenza, una loro minore disponibilità a livello del muscolo, per il quale rappresentano il substrato a più alto rendimento energetico. in termini di preferenziale. Relativamente alle modificazioni del quadro metabolico lipidico un’ importanza particolare assume, soprattutto per quanto riguarda i valori basali, il tipo di allenamento che il cavallo atleta ha effettuato. Infatti, sono state dimostrate concentrazioni più elevate di trigliceridi a livello del tessuto muscolare nel cavallo allenato rispetto al sedentario. Il fabbisogno lipidico nel cavallo atleta assume, pertanto, carattere di “essenzialità” e in particolare per gli acidi grassi linoleico ed alfa-linolenico e per i loro derivati, la cui aliquota risulta superiore al 5 % delle calorie assunte nell’arco delle ventiquattro ore; per la restante parte della quota lipidica sono preferibili gli acidi grassi ad elevato numero di insaturazioni e protetti da adeguate quantità di tocoferoli, antiossidanti e vitamina E; quest’ultima, in particolare, esercita un ruolo importante nei meccanismi che regolano gli scambi attraverso le membrane. Alla luce delle attuali conoscenze possiamo ben dire che l’esercizio aerobico è sostenuto, in maniera adeguata alla sua intensità e durata, dall’energia prodotta dagli acidi grassi a lunga catena; basti pensare che, per esempio, nella corsa di durata, in un atleta umano, il QR scende gradualmente avvicinandosi a quel valore 0,7 che indica la quasi totale dipendenza energetica dai lipidi.

Anche nel Cavallo gli acidi grassi non esterificati (NEFA), costituiscono la principale fonte di energia durante il riposo e al passo. I lipidi vengono depositati principalmente nel tessuto adiposo, negli adipociti, sotto forma di trigliceridi e qui rappresentano un deposito “non diluito” di energia. Molecole idrofobiche per eccellenza, i trigliceridi al contrario del glicogeno, mantengono il rapporto energia/peso idratato delle loro riserve molto elevato.

Per quanto riguarda l’esercizio fisico possiamo dire che il contributo metabolico dei grassi dipende da diversi fattori e, soprattutto dall’intensità, dalla durata dell’esercizio e dal grado d’allenamento del soggetto. In linea di massima si può dire che il contributo dei lipidi è inversamente proporzionale all’intensità del lavoro e direttamente proporzionale alla sua durata, così in un esercizio sub-massimale di lunga durata, se da un lato si assiste alla deplezione dei depositi di glicogeno, dall’altro si evidenzia il concomitante incremento degli acidi grassi ematici.

Tutti gli organi, fatta eccezione per il cervello, possono utilizzare i lipidi a scopo energetico e, fra i vari tessuti, i migliori fruitori, sono il tessuto muscolare e il miocardio.

Ad essi gli acidi grassi possono, teoricamente, giungere da tre diverse fonti:

– dai trigliceridi del tessuto adiposo, mobilitati dall’azione catalitica della lipasi ormono-sensibile;

– dai chilomicroni e dalle VLDL, per azione catalitica della lipoproteina lipasi;

– dai NEFA ematici.

Nel soggetto allenato e principalmente nel lavoro submassimale, le modificazioni metaboliche che inducono a una maggiore utilizzazione dei grassi da parte del muscolo, possono essere dovute:

– a modificazioni enzimatiche, soprattutto a carico della lipoproteina lipasi muscolare che con un adeguato allenamento aerobico triplica la sua attività;

– alle aumentate capacità ossidative: aumentano di dimensione le fibre a maggiore capacità ossidativa (fibre I); aumentano dimensioni e numero dei mitocondri ed il numero e l’attività degli enzimi della beta-ossidazione;

– all’aumentata capillarizzazione: essa, permettendo un più lungo tempo di transito del sangue, consentendo una maggiore captazione degli acidi grassi da parte della miocellula.

Volendo riassumere brevemente i vantaggi della metabolizzazione dei lipidi nell’esercizio fisico, si può dire che:

– i grassi sono altamente calorici e pertanto attraverso il loro catabolismo si libera una notevole quantità di energia (9,3 kcal/g);

– costituiscono ampie riserve in siti diversi dell’organismo;

– sono una sorgente stabile d’energia che può essere mobilizzata al momento opportuno;

– implicano un aumento dell’ATP che inibisce allostericamente la fosfofruttochinasi e la piruvico chinasi, rallentano il flusso glicolitico del glucosio e del glicogeno, salvaguardando le riserve organiche di quest’ultimo da una precoce deplezione.

Gli svantaggi sono invece rappresentati:

– dal minore valore calorico dei depositi lipidici intramuscolari, rispetto ai depositi di glicogeno;

– dalla loro utilizzazione solo attraverso la via aerobica;

– dalla loro insolubilità in acqua e dalla sede prevalentemente extramuscolare che non ne facilita il trasporto ai muscoli, per cui essi non immediatamente disponibili all’inizio dell’esercizio;

– dalla loro impossibilità ad essere usati come unica fonte di energia, tranne che per un lavoro di carico modesto;

– dal minore valore calorico ottenuto per litro di O2 (4,6 kcal/l O2,contro le 5,1 kcal/l di O2 fornito dai glucidi). Quest’ultimo dato è solo in apparente contrasto con quanto precedentemente detto circa il maggiore valore energetico dei lipidi rispetto ai glucidi. Infatti se è vero che questi ultimi forniscono solo 4,1 kcal/g, rispetto alle 9,3 kcal/g dei lipidi, tuttavia a livello di rendimento energetico non conta tanto questo valore assoluto, quanto il valore calorico ottenuto per litro di O2 consumato.

Indispensabile per l’esecuzione di un esercizio submassimale di lunga durata, il metabolismo lipidico non è stato ancora preso in sufficiente considerazione nel cavallo atleta. Forse per il fatto che i depositi lipidici del cavallo sono di gran lunga inferiori rispetto a quelli dell’uomo, forse perché si ipotizza che ciò non costituisca fattore limitante nello sforzo di durata, nell’atleta equino l’attenzione dei ricercatori è stata monopolizzata in direzione del metabolismo glucidico. Alla luce dei progressi che la medicina sportiva del cavallo ha conseguito, appare oggi della massima importanza cambiare rotta e approfondire in maniera più analitica quale sia il contributo che la quota lipidica fornisce durante l’esercizio fisico, allo scopo di valutarne il ruolo a livello della performace e di conoscerne i fabbisogni reali nel cavallo impegnato in allenamento e, soprattutto, in prestazioni di lunga durata.

Bibliografia

Caola G. Fisiologia dell’esercizio fisico del cavallo. Calderini Edagricole. 2001. | Piccione G., Arfuso F., Fazio F., Bazzano M., Giannetto C. Serum lipid modification related to exercise and polynsatured fatty acid supplementation in jumpers and thoroughbred horses. J. Equine Vet. Sci. 2014. 34: 1181-1187. | Pösö A.R., Viljanen-Tarifa E., Soveri T., Oksanen H.E. Exercise-induced transient hyperlipidemia in the racehorse. Zentralbl. Veterinarmed. A. 1989. 36: 603-611. | O’Connor C.I., Lawrence L.M., Lawrence St A.C., Janicki K.M., Warren L.K., Hayes S. The effect of dietary fish oil supplementation on exercising horses. J. Anim. Sci. 2004. 82: 2978–2984.

La performance atletica è il risultato della corretta integrazione fra i principali sistemi funzionali coinvolti per rispondere alle richieste energetiche connesse all’attività fisica, per consentire gli adattamenti omeostatici e garantire il controllo neuro-motorio.

L’addestramento e l’allenamento del cavallo atleta vengono applicati, infatti, non solo per conseguire un miglioramento dell’efficienza dei principali sistemi biochimico-funzionali, ma anche per ottenere capacità di resistenza generale, adeguato controllo neuro-motorio e comportamentale ed elevata capacità di risposta allo stress.

In questo senso nella valutazione dell’attitudine dei soggetti all’attività competitiva e nella programmazione dell’allenamento al fine di migliorarne la performance atletica bisogna tener conto anche degli aspetti motivazionali, della capacità individuali di gestire lo sforzo, nonché della soglia di percezione della fatica e del dolore.

La locomozione in ogni animale ha un costo energetico e tale costo aumenta nel caso in cui un soggetto compie attività sportiva. Il consumo energetico di un cavallo atleta è dovuto essenzialmente all’aumento del lavoro dei muscoli scheletrici e, anche se in minor parte, dal maggior carico di lavoro cui vengono sottoposti gli apparati cardio-circolatorio e respiratorio.

La pratica dell’allenamento, intesa quale processo sistematico mediante il quale si modificano le capacità di prestazione dell’organismo attraverso la somministrazione adeguata di carichi di lavoro, crea le premesse biologiche per innalzarne le capacità e il livello funzionale dell’organismo dell’atleta, attraverso modificazioni morfologiche e fisiologiche sempre più stabili e consolidate, definite adattamenti all’allenamento. In questo senso l’allenamento di resistenza di lunga durata è quello che induce gli adattamenti morfologici e funzionali più significativi e stabili a carico del cuore e del circolo ematico.

Quando l’intensità, la frequenza e la durata di tale tipo di allenamento sono sufficientemente elevati, si registra un significativo aumento della massima capacità aerobica dell’atleta, ovvero del massimo consumo di ossigeno che nel cavallo purosangue inglese può raggiungere valori pari a 169 litri al minuto.

L’allenamento di resistenza di lunga durata non sembra indurre significativi effetti sulla funzione respiratoria, anche se appare evidente l’aumento della vascolarità polmonare; per contro le capacità ossidative intrinseche del muscolo scheletrico aumentano in misura largamente superiori alle reali esigenze: il numero dei mitocondri e le disponibilità di enzimi ossidativi può anche raddoppiare rispetto al normale.

Con l’allenamento è possibile incrementare le capacità metaboliche aerobiche ottimizzando l’utilizzo delle riserve di glicogeno muscolare e riducendo l’accumulo di cataboliti. Grazie a questi adattamenti il muscolo utilizza una percentuale maggiore, di lipidi risparmiando il glicogeno con una conseguente riduzione della produzione di acido lattico.

Nell’esercizio di intensità moderata (velocità inferiore a 200m/min) e di breve durata (meno di 30 minuti) il passo, con o senza sforzo di trazione, o il piccolo trotto mettono in gioco le fibre muscolari che utilizzano a scopo energetico gli acidi grassi a lunga catena, mobilizzandoli dai depositi lipidici, e in minor misura, il glucosio. In un cavallo allenato se lo sforzo di intensità moderata si prolunga per più ore, i lipidi corporei forniscono circa il 90% dell’energia utilizzata.

Nel corso di esercizi intensi, definiti sovramassimali, corrispondenti al trotto rapido (più di 400m/min) o al galoppo rapido (più di 500m/min) (o prove di salto ostacoli, cross country) o nel caso di esercizi prolungati di intensità moderata in cavalli non allenati, il consumo di ossigeno dei muscoli è superiore all’apporto di sangue. e l’organismo entra in deficit d’ossigeno. In più vi sono altri tipi di fibre muscolari messi in gioco. Queste utilizzano come fonte di energia il glucosio proveniente dal glicogeno muscolare. La degradazione del glucosio è allora incompleto e porta alla formazione del lattato che di per sé, se lo sforzo è di breve durata, può fornire l’energia necessaria a sostenere lo sforzo, ma se l’esercizio continua e permane l’ipossia, si accumula causando un rapido affaticamento muscolare. Un cavallo sottoposto a un lavoro più o meno intenso, ha bisogno quindi di una dieta che gli fornisca, oltre all’energia per il suo mantenimento, anche l’energia supplementare richiesta dal lavoro svolto.

Se un corretto allenamento è essenziale per il cavallo atleta, nondimeno importante è conoscere il valore nutrizionale degli alimenti, cioè la quantità di energia e proteina contenuti in un certo alimento, in modo da poter preparare diete equilibrate per il cavallo, anche tenendo conto del tipo di animale, delle sue dimensioni, della quantità e del tipo di attività fisica svolta e della sua capacità di ingestione. Il tasso ematico dell’acido lattico tende ad aumentare in molte situazioni in cui il cavallo è chiamato a compiere un intenso sforzo muscolare (lavoro anaerobico, massimale o sovramassimale) e il suo accumulo, oltre ad impedire un corretto funzionamento della muscolatura, ne ritarda i tempi di recupero. Abbassare il livello di acido lattico accumulatosi nei muscoli e nel sangue consente di sostenere più a lungo lo sforzo e permette un rapido recupero fisico, sia dopo l’allenamento, sia dopo una competizione sportiva.

I benefici dei lipidi come sorgente di energia per i cavalli sono oggi ampiamente accettati dagli esperti del settore. La componente lipidica è scarsa nei foraggi e quindi i lipidi potrebbero sembrare un alimento non adatto per i cavalli, ma i suoi vantaggi nutrizionali sono irrinunciabili. La parziale sostituzione nell’alimentazione dei carboidrati (amido) con i grassi può aiutare a migliorare le condizioni di muscoli doloranti; può avere ripercussioni positive sul comportamento, controllare alcune condizioni metaboliche come la resistenza all’insulina, migliorare il trofismo della pelle, del mantello e lo stato di salute generale.

Ora che i vantaggi della frazione lipidica, come fonte energetica, sono stati accettati per lo più universalmente dagli allevatori di cavalli, la ricerca sta esplorando ulteriormente come alcuni grassi possano giovare ai cavalli atleti. I ricercatori hanno focalizzato la loro attenzione su due distinte famiglie di acidi grassi: la famiglia degli omega 3 e quella degli omega 6. La famiglia degli omega-3 origina dall’ACIDO ALFA-LINOLENICO (ALA) mentre la famiglia degli omega-6 ha come precursore l’ACIDO LINOLEICO (LA). ALA e LA sono considerati “acidi grassi essenziali” perché non possono essere sintetizzati nell’organismo e devono essere assunti con la dieta.

Altri importanti membri della famiglia degli omega-3 sono l’acido grasso a lunga catena eicosapentanoico (EPA) e l’acido docosapentaenoico (DHA). I cavalli sono in grado di convertire ALA in EPA e DHA quando sono assunte quantità sufficienti di ALA, anche se questo processo non è interamente efficiente. Gli acidi grassi omega-3 ed omega-6 devono essere bilanciati nell’organismo per essere efficaci. Gli acidi grassi sono necessari per la produzione e la distribuzione degli EICOSANOIDI. Gli eicosanoidi includono i TROMBOSSANI, le PROSTAGLANDINE e i LEUCOTRIENI che hanno diversi effetti fisiologici tra i quali la regolazione della risposta infiammatoria, il mantenimento della stabilità delle membrane cellulari, lo sviluppo e il funzionamento del tessuto del sistema nervoso centrale, il trasferimento dell’ossigeno e la regolazione delle funzioni immunitarie. Un alterato equilibrio tra gli eicosanoidi derivati dagli omega 3 e dagli omega 6 può causare problemi alla salute dei cavalli. I ricercatori non hanno ancora definito il rapporto ottimale tra gli omega-3 e gli omega-6 nell’alimentazione dei cavalli. Tuttavia pur senza un rapporto esatto, le conoscenze sugli omega-3 e omega-6 e le pratiche del classico management equino accettano che nella dieta dei cavalli devono essere presenti più acidi grassi omega-3 di acidi grassi omega-6. I cavalli sono spesso alimentati con concentrati di energia sotto forma di cereali in grani e oli vegetali aggiunti. La maggior parte dei cereali in grani contiene livelli molto più elevati di acidi grassi omega-6 che di omega-3, alterando così il rapporto ottimale.

I ricercatori del settore hanno quindi iniziato a studiare i potenziali benefici dell’integrazione di omega-3 nell’alimentazione equina, riportandone risultati interessanti.

L’olio di pesce e l’olio di lino sono ricchi di omega-3. L’olio di pesce è una sorgente diretta di EPA e DHA, mentre l’olio di lino è fonte di ALA che deve essere convertito in EPA e DHA.

Infatti l’integrazione con olio di pesce, ricco in omega-3, aumenta i livelli di EPA e DHA nel siero equino e nei globuli rossi. Un aumento dell’elasticità delle pareti dei globuli rossi ne rende più facile il passaggio attraverso i capillari polmonari e muscolari, aumentando così l’apporto ematico e, di conseguenza il rifornimento di ossigeno. L’aumento dell’elasticità dei globuli rossi può inoltre ridurre l’incidenza dell’emorragia polmonare indotta da esercizio (EIPH) o il sanguinamento.

Risultati altrettanto positivi e incoraggianti sono venuti dall’utilizzazione degli acidi grassi omega 3 nel campo della riproduzione dove sono stati osservati: un aumento del numero degli spermatozoi nel seme, effetti benefici sugli estri e sulla frequenza delle gravidanze, una maggiore reattività del sistema immunitario dei puledri.

Inoltre, pur non ottenendo un aumento della mobilità nei cavalli affetti da artrosi, l’integrazione con gli acidi grassi omega-3 sembrerebbe ridurre l’infiammazione delle articolazioni nei cavalli affetti da disturbi articolari che presentano un minor numero di leucociti nel liquido sinoviale.

Pertanto sarebbe auspicabile l’utilizzo di integratori a base di acidi grassi omega 3 nella dieta del cavallo al fine di prevenire eventuali alterazioni dell’omeostasi funzionale e per migliorare la performance atletica.

Bibliografia

Caola G. Fisiologia dell’esercizio fisico del cavallo. Calderini Edagricole. 2001. | Wilson R.G., Isler R.B., Thornton J.R. Heart rate, lactic acid production and speed during a standardised exercise test in Standardbred horses. Equine Exercise Physiology, eds. Snow, D. H., Persson, S.G.B. and Rose, R. J., Granta Editions, Cambridge, 1983. pp.487-496. | Evans D.L., Rainger J.E., Hodgson D.R. Eaton M.D., Rose R.J. The effect of intensity and duration of training on blood lactate concentrations during and after exercise. In: Equine Exercise Physiology 4. Proc. 4th International Conference on equine Exercise Physiology, ed. Robinson N.E., R and W Publications, Newmarket UK, Equine Vet J Suppl. 1995. 18: 422-425.

Durante l’attività fisica, per compiere il lavoro richiesto dall’apparato muscolare, sono necessari una maggiore quantità di sostanze energetiche e un maggiore apporto di ossigeno rispetto a quanto normalmente utilizzato per il mantenimento della postura o durante il riposo.

Per soddisfare tale aumento del fabbisogno l’organismo interviene coadiuvando l’attività muscolare con il reclutamento di vari organi e apparati, e tra questi il sistema cardiocircolatorio è tra i coinvolti. In corso di esercizio fisico, il sistema cardiovascolare è responsabile del trasporto dei substrati energetici e dell’ossigeno verso i muscoli e della rimozione dell’anidride carbonica e dei cataboliti prodotti in seguito alla contrazione muscolare.

Per poter garantire il completo svolgimento delle sue funzioni e far si che all’aumentare delle richieste corrisponda una risposta fisiologica sempre efficace, il sistema cardiovascolare mette in atto una serie di:

aggiustamenti temporanei che durano solamente per il periodo di accresciuto fabbisogno, salvo poi tornare, più o meno rapidamente, alle condizioni basali e di

adattamenti, vere e proprie modificazioni a carico di diversi organi.

Aggiustamenti ed adattamenti possono, infatti, essere considerati come dei meccanismi di difesa che un apparato, come ad esempio quello cardiocircolatorio, mette in atto per mantenere costante la sua omeostasi.

Mentre alcuni aggiustamenti permangono tali, cioè temporanei, altri possono essere consolidati nel tempo e divenire adattamenti mediante l’applicazione di mirati programmi di allenamento e di un corretto management dell’animale.

In particolare, con l’incremento dell’intensità dell’esercizio fisico, il flusso di eiezione sistolica non cambia in modo significativo, vale a dire che ad ogni contrazione la quantità di sangue espulsa dai ventricoli rimane costante, in quanto la camera ventricolare mantiene costante il suo volume, tuttavia l’allenamento costante porta ad un ispessimento del miocardio soprattutto a livello ventricolare, fenomeno del cosiddetto “cuore di atleta”. Questo aumento non determina un incremento volumetrico, ma piuttosto un aumento della capacità contrattile del miocardio. Restando così le cose, l’eiezione di una quantità costante di sangue comporterebbe una non adeguata perfusione sanguigna del muscolo. Per ovviare a questo problema il cuore si “adatta” alla nuova condizione con un aumento del numero di battiti per minuto e, quindi, aumentando la sua Frequenza (HR=frequenza cardiaca). Il cavallo, tra tutte le specie ad attitudine sportiva è forse quella che riesce meglio ad adattare il sistema cardiovascolare. Infatti in tale specie, la frequenza cardiaca (HR) a riposo si aggira intorno ai 20-40 battiti al minuto e, pertanto, in tali condizioni è possibile considerarlo una specie bradicardica. Al contrario, in corso di esercizio, la frequenza può aumentare anche di 5-10 volte. Tale notevole variazione è indice di quanto efficace sia il sistema cardiovascolare del cavallo rispetto a quello di qualsiasi altra specie sportiva, uomo compreso. Le variazioni di HR durante l’esercizio sono considerate un buon indicatore del “carico di lavoro cardiovascolare” e sono correlate con il consumo di ossigeno. Alcuni autori hanno osservato che la frequenza cardiaca che si registra durante l’esercizio sembra influenzata dal sesso del cavallo (i maschi avrebbero una capacità aerobica superiore alle femmine e quindi frequenze cardiache più basse a parità di esercizio), mentre non viene alterata dal peso di fantini fino a 90 Kg. Inoltre esiste una stretta relazione tra la HR e l’intensità dell’esercizio: all’aumentare della velocità aumenta anche la HR, ma raggiunta una determinata velocità (o intensità) si raggiunge un plateau di HR chiamato frequenza cardiaca massima (HRmax), che nei cavalli può variare, come detto prima, da 210 a 240 battiti al minuto. La HRmax rappresenta il valore della frequenza cardiaca al quale l’aumentata intensità (o velocità) dello sforzo fisico non provoca un ulteriore aumento della stessa: rappresenta cioè il numero massimo di volte che il cuore può contrarsi in un minuto. Diversi studi hanno dimostrato che l’allenamento non influisce né sulla HR a riposo né sulla HRmax, ma può favorire un aumento dell’intensità di lavoro alla quale viene raggiunta la HRmax. Da quanto detto si evince come il mantenimento della salute e dell’efficienza dell’apparato cardiovascolare sia uno dei punti cruciali per ottenere una performance ottimale da parte dell’atleta. A questo scopo ci si è sempre occupati di migliorare la performance cardiaca tramite l’allenamento mirato, in quanto l’uso di principi farmacologici a questo scopo molto spesso viene considerato doping (farmaci cardioattivi, eritropoietina ecc.).

Attualmente c’è sempre una maggiore attenzione da parte della comunità scientifica nei confronti degli acidi grassi polinsaturi omega 3 (n-3 PUFA) visti gli effetti benefici dimostrati da parte di tali composti a vario livello e, in particolare, nei confronti il sistema cardiovascolare e per il fatto che possono essere liberamente utilizzati. Nell’uomo l’osservazione della bassa incidenza di patologie cardiovascolari, con particolare riferimento al rischio tromboembolico, in popolazioni che consumano grandi quantità di pesce, notoriamente ricchi di omega 3, aveva catturato l’attenzione dell’attività scientifica sulle proprietà di tali composti. In particolare, a partire dagli studi epidemiologici condotti da Dyerberg sulle popolazioni Inuit della Groenlandia, numerose ricerche hanno confermato l’attività cardioprotettiva fornita dal consumo di pesce e olio di pesce. In seguito, studi condotti dal Chicago Western Electric Study hanno dimostrato che, rispetto ai soggetti che non consumavano pesce, quelli che ne ingerivano almeno 35g al giorno avevano un tasso mortalità per cause cardiovascolari più basso del 40%. Inoltre, ricerche del Nurses Health Study hanno rilevato come, aumentando il consumo di pesce da meno di una porzione al mese fino a 5 volte la settimana, il rischio di coronaropatie si riduca fino al 34%, mentre il Physicians’ Health Study ha mostrato una associazione tra consumo di acidi grassi omega 3 e significativa riduzione del rischio di morte improvvisa legata a cause cardiocircolatorie.

Gli effetti cardioprotettivi e l’abbassamento del rischio cardiovascolare legato all’utilizzo degli acidi grassi omega 3 sono molteplici e legati a vari tipi di azione:

  • modulazione del metabolismo delle lipoproteine ricche in trigliceridi. In particolare è stata osservata una riduzione dei livelli di trigliceridi nella fase post-prandiale in soggetti ipertrigliceridemici e normolipidemici ed una migliore clearance epatica delle lipoproteine ricche in trigliceridi;
  • regolazione della pressione arteriosa. Gli omega 3 hanno mostrato di possedere un lieve effetto ipotensivo dose-dipendente che diventa più evidente nei pazienti ipertesi. Si ritiene che tale effetto ipotensivo possa essere riconducibile alla capacità da parte di tali composti di promuovere la sintesi endoteliale di agenti ad azione vasodilatatoria come ossido nitrico e prostaciclina;
  • modulazione dei fenomeni di emostasi e infiammazione. L’acido eicosapentaenoico (EPA) e’ il precursore di prostanoidi ad azione vasodilatante, anti-aggregante e anti-infiammatoria (es PGI3). Inoltre gli acidi grassi omega 3 riducono la produzione di citochine infiammatorie quali TNF-α, IL-6, IL-1. Tali effetti, insieme al potenziamento della fibrinolisi, alla riduzione della sintesi di fibrinogeno, del fattore VII rendono ragione dell’azione anti-trombotica e antiinfiammatoria degli omega 3;
  • effetti positivi sulla stabilità elettrica del miocardio. In particolare, la proprietà antiaritmica degli omega 3 è ascrivibile alla lieve iperpolarizzazione delle membrane plasmatiche che essi determinano nei miociti cardiaci; tale iperpolarizzazione determina un aumento della differenza del potenziale diastolico transmembrana e uno spostamento della soglia di apertura dei canali del sodio verso valori più positivi. Inoltre, è stato osservato che gli omega 3 sono capaci di prolungare di circa 3 volte il periodo refrattario della cellula muscolare cardiaca; ne consegue una maggiore resistenza del miocardio alla comparsa di aritmie letali quali la fibrillazione ventricolare. L’azione di stabilizzazione elettrica sembra essere legata alla capacità degli omega 3 di inibire i canali L del calcio e riducendo così la liberazione del calcio dal reticolo sarcoplasmatico e prevenendo i post-potenziali aritmogeni.

Come già detto in precedenza, dagli acidi grassi omega-3 derivano i leucotrieni della serie 5, che rispetto a quelli della serie 4 (derivati dall’acido arachidonico), sono dotati di un’azione vasocostrittrice e pro-infiammatoria molto più modesta, circa dieci volte inferiore. Ciò può comportare importanti ricadute sia sull’aterosclerosi sia su altre patologie infiammatorie (artrite reumatoide, morbo di Crohn, psoriasi, dermatite atopica). Il ruolo svolto dall’infiammazione nella genesi delle placche aterosclerotiche e nelle condizioni di instabilità e rottura delle stesse è ormai universalmente accettato. È quindi verosimile che gli acidi grassi omega 3, mediante l’attenuazione dei processi infiammatori, possano svolgere un ruolo centrale nella prevenzione sia del processo aterosclerotico, sia degli eventi acuti connessi alla rottura delle placche.

Per quanto detto sinora è possibile affermare come l’utilizzo degli omega 3 fornisca un valido supporto nel coadiuvare la funzionalità cardiaca migliorandone, al contempo, la performance. Tuttavia è necessario sottolineare come, nel cavallo atleta, tale campo di ricerca non sia stato ancora completamente esplorato e, pertanto, ulteriori ricerche dovranno essere condotte per approfondire adeguatamente tale argomento.

Bibliografia

Caola G. Fisiologia dell’esercizio fisico del cavallo. Calderini Edagricole. 2001. | Marr C. Cardiology of the horse. Saunders W.B., London. 1999. | Degirolamo C., Shelness G.S., Rudel L.L. LDL cholesteryl oleate as a predictor for atherosclerosis: evidence from human and animal studies on dietary fat. J Lipid Res. 2009. 50: S434-S439. | Nishimoto T., Pellizzon M.A., Aihara M., Stylianou I.M., Billheimer J.T., Rothblat G., Rader D.J. Fish oil promotes macrophage reverse cholesterol transport in mice. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2009. 29:1502-1508.